EVENTI e NEWS


Amatrice Siamo Noi si racconta. Dal terremoto ai progetti che intendiamo realizzare, come operiamo e perché scegliamo proprio quelli…

Un terremoto, anzi un’interminabile sequenza di eventi catastrofici. Abbiamo fondato una ONLUS perché non potevamo restare a guardare: non c’era più niente da guardare. Negli occhi di chi era rimasto si poteva leggere solo il vuoto di un presente, così orfano del passato da non poter neppure immaginare un futuro. Eppure nessuno, vicino o lontano è rimasto a guardare, mentre la terra continuava a tremare abbiamo riscoperto quanta bella Italia c’è dietro una grande tragedia.

Amatrice Siamo Noi era nata da umili volenterose mani desiderose di fare qualcosa, solo qualcosa, e invece ci siamo ritrovati con altre migliaia di mani tese a realizzare qualcosa di molto, molto più grande.

Alla nostra ONLUS oggi arrivano aiuti vicini e lontani, aziende o associazioni che non possono far giungere dei beni materiali sul posto ci affidano delle consegne, altri benefattori ci chiedono consulenze su cosa serve e dove, perché solo chi opera direttamente sul campo ha il polso della situazione reale. Il Sindaco o gli esponenti delle istituzioni amatriciane ci raccontano, ci chiedono e ci guidano verso questa o quella iniziativa o progetto.

In questo preciso istante abbiamo progetti da realizzare a breve e azioni immediate da compiere, come consegnare alimenti per uomini e animali o prodotti per fronteggiare l’inverno, come abbigliamento e combustibili per le stufe. L’immediato è fatto di bisogni primari e allora via, Amatrice Siamo Noi carica il furgone di un socio fondatore e via, si va ad Amatrice una o due volte a settimana…

Oggi: prima l’oggi, ma senza dimenticare che dobbiamo prepararci a un domani. Allora ecco perché, dalle esigenze del singolo terremotato, dobbiamo passare a una fase che ripensi il futuro, un futuro abitato da persone. I progetti a venire mirano a far ripartire una comunità fatta di bambini, ragazzi e genitori che dovranno giocare o lavorare, per qualcosa e per qualcuno.

Mai avremmo immaginato di poter disporre di tante mani oltre le nostre, da poter orgogliosamente dire: Amatrice Siete Voi, grazie. Ecco cosa stiamo, state facendo…

Progetti in programma per AMATRICE

PALAZZETTO DELLO SPORT: UNICA STRUTTURA RIMASTA IN PIEDI ED AGIBILE FINO AL 30 OTTOBRE 2016. Dopo il secondo sisma anche questa struttura ha subito danni sui quali sta intervenendo la ditta costruttrice per riportarlo alla funzione antisismica. Il Palazzetto dello Sport per la città di Amatrice rappresenta un ampio centro di aggregazione dove si sono sempre svolti eventi sportivi e non, che sono stati impagabile fonte di aggregazione per bambini, adulti e anziani. Oggi può svolgere l’importante ruolo di accoglienza per ogni genere d’iniziativa e di rappresentanza, perché non ci sono più grandi strutture in grado di accogliere persone ed eventi. Ecco perché oggi, ancor più di ieri, necessita di una vera ristrutturazione all’interno sotto il profilo di ritinteggiatura, sistemazione dei bagni, porte, spogliatoi, eliminazione totale dell’umidità concentratasi negli anni precedenti.

Le vernici per i lavori (per un valore di circa 20.000 Euro), saranno donate dalla Azienda AKZONOBEL, mentre i lavori di manodopera saranno a carico dell’associazione Amatrice Siamo Noi (e si aggireranno intorno alle 25.000/30.000 Euro). I lavori saranno effettuati, obbligatoriamente, da una ditta di Amatrice con maestranze delle zone terremotate.

CREAZIONE DELL’AREA VERDE da realizzare intorno alle nuove casette antisismiche consegnate da poco ad Amatrice e a quelle ancora da consegnare, per dare una dignitosa immagine al terreno. In questo momento esso è fatto solamente da avvallamenti di terra ma, con il nostro aiuto, saranno create oltre al giardino, aiuole con panchine, fontanelle e ciò che serve per ridare dignità al vivere di chi ha perso tutto.

RIPRISTINO DEL PARCO GIOCHI DON MINOZZI, già esistente, ma che dopo il sisma del 24 agosto è stato adibito per accogliere i container del comune, protezione civile, vigili del fuoco ecc. Dovrà essere completamente risistemato con manto erboso ed aree floreali. Si provvederà, inoltre, all’acquisto di nuovi giochi da allestire nell’area bambini. Al suo interno è stato realizzato un monumento ai caduti del terremoto.

ACQUISTO DI UN PULMINO con circa 9 posti per trasporto persone dotato di sedili smontabili per caricare le merci. In questo momento di grande emergenza la nostra Associazione si reca continuamente nelle zone colpite dal sisma per consegnare prodotti d’ogni genere, a partire da quelli alimentari. Si tratta di cassette di frutta e verdura fresca da distribuire alle poche famiglie rimaste in zona o nelle mense. In questo momento la nostra ONLUS si sta occupando anche di acquisto e di trasporto di Pellets e combustibili per ogni tipo di stufa, così da permettere un dignitoso riscaldamento alle persone che abitano le poche case agibili o i ricoveri di fortuna. Vengono acquistati e trasportati anche mangimi di ogni genere per animali. L’associazione è presente sul posto, una o due volte a settimana, oggi utilizzando il furgone di un socio, Gaia, ma è ovvio che così non può utilizzarlo per il proprio lavoro, dunque ne va acquistato un altro. Tanti viaggi sono indispensabili per distribuire i beni, nostri o messi a disposizione da altre associazioni o donatori che concordano direttamente il tipo di spesa che intendono effettuare. I nove posti per le persone potrebbero tornare utili perché, tra le varie iniziative, ci sono anche quelle di portare gli amatriciani ai concerti, agli spettacoli o in luoghi di svago, perché alcune ferite dell’uomo si curano solo così…

COSTRUZIONE DI AREA CAMPER NELLA FRAZIONE PRATO DI AMATRICE. Il Sindaco Sergio Pirozzi ha chiesto espressamente ad ogni Frazione di Amatrice di creare un area camper, con l’aiuto di donatori, affinché si possa permettere agli abitanti non residenti in possesso di una seconda casa, di poter trascorrere le festività e i periodi di vacanze estive presso i propri paesi di origine. Ciò è fondamentale affinché l’economia di Amatrice possa ripartire grazie ai non residenti, coloro da sempre raggiungono le loro abitazioni stagionali fornendo l’indispensabile introito per le attività commerciali. Proprio queste ultime, per il periodo di Pasqua, verranno ripristinate in un’apposita area ad Amatrice.

COSTRUZIONE BAGNI NELLA PROLOCO DI PRATO DI AMATRICE La località di Prato che si trova a 4 km da Amatrice è una delle 69 frazioni nella quale la notte del 24 si trovavano tutte le famiglie villeggianti e fondatrici dell’associazione Amatrice Siamo Noi, che per volere della Madonna delle Grazie patrona del Paese, sono sopravvissute alla catastrofe. Per noi la ProLoco di Prato è sempre esistita e ha visto il susseguirsi di generazioni nel costruire un accogliente luogo di aggregazione mai avaro di solidarietà. La piccola costruzione in cemento armato al suo interno oggi è l’unica struttura rimasta agibile per la comunità. È contornata da un ampio parco verde che permette ai bambini di godere delle splendide giornate estive all’aperto all’insegna del sano divertimento… Purtroppo, la struttura è priva di Toilette, ed è logico, perché tutti i villeggianti disponevano a pochi metri dei bagni delle proprie abitazione…. Ma Prato di Amatrice adesso non è più un paese: è un’ampia zona rossa priva di case agibili… anzi, praticamente andranno tutte demolite. Per tale ragione si è pensato di agire per realizzare la costruzione in una struttura di bagni antisismica, tale da garantire una decorosa permanenza nel posto, dove l’aggregazione e la socialità hanno sempre regnato. Senza toilette nessuno può pensare di tornare o piantare una tenda, un vessillo che sventola su un territorio appena strappato a uno spietato nemico. Ritornare è fatto di piccole cose che riempiono grandi vuoti e silenzi… è rinascere.

Eventi 2016